“Inner Sounds”

Il sassofonista e compositore Claudio Fasoli ha offerto, nei suoi oltre quarant’anni di carriera, un’originale vena creativa ed una personale cifra stilistica, facilmente riscontrabili in tutte le produzioni che in questo lungo periodo l’hanno visto al centro del jazz italiano, sia nel ruolo di formidabile special guest, sia in quelle a proprio nome. Il legame con l’etichetta ABEAT RECORDS del patromn Mario Caccia ha portato alla luce negli ultimi anni il lato maggiormente british di Fasoli che, dopo l’eccellente “London Tube” (ispirato alle celebri stazioni della metro londinese) propone con “Inner Sounds” un’elegante rielaborazione di sette poemi del sommo poeta inglese del ‘900 Wystan Hugh Auden dal titolo “Horae Canonicae”. Il lavoro, già di per se originale, sfoggia un’ulteriore e peculiare innovatività nella composizione della formazione Double Quartet in cui, un doppio quartetto “FOUR” e “SAMADHI 4et”, danno vita ad un raffinatissimo ottetto mascherato. Claudio Fasoli al tenore e soprano, Michael Gassman alla tromba e flicorno, Michele Decorato e Andrea Lamacchia al piano, Gianni Bertoncini e Marco Zanoli alla batteria, Michele Calgaro alla chitarra e Lorenzo Calgaro al contrabbasso, formano un composito orgganico che dispensa a piene mani contenuti sonori dall’atmosferica connotazione, snocciolati con una sospesa ed imprevedibile aura contemplativa. Ne deriva che, i singoli capitoli, lasciano intravedere una breve e mutevole idea formale che si evolve via via in unn susseguirssi di frammenti musicali dal diverso peso timbrico, dinamico, articolato in un ipnotico continuum emotivo.

Brani:

  1. Prime
  2. Terce
  3. Sext
  4. Nones
  5. Vespers
  6. Compline
  7. Louds

Musicians:

Claudio Fasoli
: tenore, soprano sax

Michael Gassman: tromba, flicorno

Michele Decorato: piano

Andrea Lamacchia: piano

Gianni Bertoncini: batteria

Marco Zanoli: batteria

Michele Calgaro: chitarra

Lorenzo Calgaro: contrabbasso

Data di pubblicazione: 2016

Anche su Fedeltà Del Suono n. 255

Aggiungi ai preferiti : permalink.

Lascia un commento